Coronavirus: come possiamo ottimizzare le nostre difese immunitarie?

Ippocrate, il “padre della medicina” (circa 460-377aC) aveva già capito, tanti secoli fa, che ci potevano essere dei “contagiatori” e dei“contagiati”; e venivano  già all’epoca suggeriti  dei giorni di isolamento per gli “untori”, (di solito si trattava di mercanti e viaggiatori)…

Le epidemie e/o pandemie virali fanno parte della storia dell’uomo. L’ultima pandemia, “La Spagnola”, risale al 1918. Morirono tantissimi giovani; questo perché il loro sistema immunitario funzionava “troppo bene”, (scatenando la cosiddetta “tempesta di citochine” ) ed era la reazione eccessiva del loro sistema immunitario ad ucciderli.
Altri virus invece causano un maggior numero di vittime negli anziani ed il  COVID-19   colpisce  sia giovani  che, in maggior numero, anziani. I virus ci sono sempre stati; pare che il virus più “vecchio” il Human Papilloma Virus (HPN) risalga ad oltre 300 milioni di anni fa, e purtroppo ce ne saranno sempre.

Pensate che nel 2015 Bill Gates aveva previsto un’epidemia in un prossimo futuro. Consigliava di investire su tecniche diagnostiche e di effettuare ricerche a livello farmacologico, e sconsigliava investimenti in armi di distruzione di massa. Ovviamente aveva anche previsto la recessione globale che un’epidemia avrebbe potuto causare.

Bill Gates aveva ragione nell’insistere  sull’opportunità di effettuare maggiori ricerche su tecniche diagnostiche. Ogni virus, dall’Ebola alla SARS, e dai più “consueti” virus influenzali al COVID SARS-2 ha delle sue caratteristiche particolari. In futuro, e mentre si attendono vaccini, oltre a respirare in modo ottimale, conviene stimolare (ma non sovra-stimolare) il sistema immunitario, ed assumere sostanze naturali che colpiscono direttamente i virus nella loro struttura; anche gli antichi dicevano che prevenire è meglio che curare.

Come diceva anche Didier Raoult, il direttore dell’Institut Méditerranée Infection di Marsiglia, in merito al modo migliore per contrastare il coronavirus: ” Ciò che funziona meglio è il nostro sistema immunitario ” (France Info, 26 gennaio 2020). Ovviamente, se siete affetti da COVID-19 è indispensabile seguire tutti i consigli terapeutici degli specialisti.

In televisione si sente spesso dire che assumere integratori per COVID-19 non     è utile. Questo è vero  se si è già affetti da COVID-19, ma le affermazioni che si sentono sono anche soggette a varie  interpretazioni. Nel parlare di una terapia di supporto, non si promettono miracoli; è impossibile farlo in campo medico, ma nella malaugurata ipotesi che si venga colpiti da COVID-19 od altri virus in futuro, un’adeguata terapia di prevenzione potrebbe far sì che le manifestazioni cliniche siano perlomeno meno acute.

 

Come possiamo ottimizzare le nostre difese immunitarie?

Prima ancora di pensare a qualsiasi forma di terapia di supporto, bisogna ricordarsi che l’organismo reagirà meglio se è supportato da uno stile di vita sano.

In particolare:

1. Cercare di ridurre lo stress; in questo periodo storico non ha tutti i torti chi afferma che “tra il dire e il riuscire a fare c’è di mezzo il mare!”. Ricordiamoci però che negli ultimi anni lo stress viene preso sempre di più in considerazione per il suo ruolo nocivo. Chi è a conoscenza dei concetti di base di un riaddestramento respiratorio è anche consapevole che lo stress è una delle prime   cause dell’iperventilazione. Come fare? Esercizi di respirazione del metodo Buteyko, meditazione per chi ha appreso una buona tecnica, tutorial  di rilassamento guidati su you tube.

2. Una respirazione ottimale; (come già sapete ;-))

3. . Praticare attività fisica regolarmente; minimo 30 minuti al giorno di un’attività fisica di lieve-media intensità. In questo particolare periodo: cyclette, tapis roulant, tutorial su you-tube. Corsa sul posto, salire e scendere le scale di casa/del condominio (evitando in tal modo anche l’aria non raccomandabile all’interno degli ascensori), lavori domestici vari.

4. Dormire a sufficienza; per anni, la comunità scientifica non ha avuto ben chiaro il ruolo del sonno per la salute. Ormai è risaputo che il sonno favorisce tutti i processi riparativi a tutti i livelli, compreso il sistema immunitario. Come ricordo sempre: ciò che conta è il giusto dosaggio. Non bisognerebbe dormire né troppo né troppo poco. Circa 7-8 ore al giorno; è per questo che si dice che l’uomo passa un terzo della propria vita a dormire.

5. Optare per un’alimentazione varia ed equilibrata

 6. Quali sono i migliori prodotti naturali per rafforzare il sistema immunitario?

Alcune sostanze disponibili in natura sono ben note per le loro proprietà di  ottimizzazione  del sistema immunitario. Elenco alcune di queste: 

AHCC (Active Hexose Correlated Compound)
    L’ AHCC (Active Hexose Correlated Compound,   è un alfa-glucano prodotto  tramite la  fermentazione dell’estratto di un fungo molto apprezzato in Asia ed anche in  in Europa: lo shiitake (Lentinus edodes). L’interesse per i benefici di questo fungo non  è nuovo, essendo esso impiegato da  molti anni nelle medicine tradizionali asiatiche. L’AHCC è il risultato di molti anni di ricerca   in Giappone , e consente di  ottimizzare  gli effetti   derivanti dall’associazione di vari principi attivi dalle proprietà immunostimolanti e antitumorali. Pare infatti che l’AHCC abbia anche un potenziale  diretto a contrastare alcune forme di tumori.
Se desiderate saperne di piu’:
Tra i principali principi attivi presenti dell’AHCC vi sono dei derivati dell’alfa-glucano e del beta-glucano. Questi composti non sono più monosaccaridi, bensì polisaccaridi (carboidrati più complessi nella loro struttura biochimica). Essi sono noti per i loro effetti immunostimolanti. Sono infatti in grado di rafforzare il sistema immunitario stimolando l’attività di svariate famiglie di globuli bianchi. La loro importanza risiede infatti nella capacità di favorire l’azione dei linfociti NK (Natural killers, ovvero “assassini naturali”), le “cellule NK”. Si tratta di globuli bianchi che costituiscono i primi agenti protettori dell’organismo in caso di aggressione. I principi attivi dell’AHCC aumentano inoltre la concentrazione di linfociti T e B, globuli bianchi che agiscono in maniera specifica contro gli agenti patogeni. Grazie alla sua attività immunostimolante, questo estratto fermentato di shiitake rappresenta un prezioso alleato nella prevenzione di varie malattie, anche virali,  tra cui le varie forme di influenza.  Le proprietà immunostimolanti dell’AHCC sono state dimostrate da studi in vitro e test clinici. I ricercatori hanno mostrato particolare interesse per l’azione stimolante dell’AHCC sulle cellule NK, che rappresentano una linea difensiva fondamentale anche contro le cellule tumorali. Coinvolte nella risposta immunitaria innata, o immediata, i linfociti NK sono in effetti in grado di individuare e uccidere le cellule tumorali appena formate in poche ore. Inutile dire che la stimolazione di queste “cellule assassine” tramite l’AHCC apre prospettive terapeutiche interessanti nella lotta contro  numerose patologie. Dalla sua elaborazione e dalla scoperta delle sue virtù terapeutiche, l’AHCC è stato utilizzato da centinaia di migliaia di persone. L’impiego di questo prodotto è supportato anche da studi condotti in oltre 30 università e istituti di ricerca e in più di 700 ospedali in Giappone e in tutto il mondo.
Per offrire un prodotto immunostimolante di qualità, un estratto di shiitake standardizzato al 60% di AHCC viene ottenuto in laboratorio in conformità alle norme GMP et ISO 9100 & 22000 e confezionato in capsule del dosaggio di 500 mg.

Lattoferrina
La lactoferrina o lattotransferrina, è una glicoproteina  contenuta in particolare nel colostro (la prima forma del latte materno) e siero di latte ad azione antimicrobica e ferro-trasportatrice. Nota ormai da tempo, (è stata scoperta da Sorensen e Sorensen nel latte vaccino nel 1939), è stata recentemente rivalutata per le sue proprietà antiossidanti, immunomodulatrici ed antinfettive; protegge in modo particolare la bocca, il naso e gli occhi da attacchi infettivi. In forma di integratore è anche assunta come anti-ossidante. Negli ultimi 15 annj sono stati effettuati vari studi sulla lattoferrina, in particolare come trattamento di supporto in casi di epatite C, acne, ulcere, osteoporosi e processi infiammatori. Il numero di studi clinici è ancora scarso, ma se la lattoferrina viene assunta in forma di integratore alimentare di buona marca (dosaggio 200-250m), non vi sono effetti collaterali. Ci possono essere invece effetti collaterali se assunta per oltre 2 settimane in forma di latte vaccino; ciò è  dovuto al fatto che le altre proteine contenute nel latte vaccino non sono le stesse del latte materno.

Probiotici
In particolare il lactobacillus plantarum ed il  lactobacillus gasseri  sono ceppi  probiotici che ottimizzano le funzioni immunitarie naturali del corpo. Optando per una cura a base di Lactobacillus gasseri, sono necessari non meno di 12 miliardi di microrganismi per dose per ottimizzare le funzionalità immunitaria in generale della flora intestinale.

Alcune altre sostanze:

La vitamina C,disponibile in particolare in frutta e verdura cruda  (ed in questi tempi si tende ad assumere più alimenti cotti, per timori di eventuali contagi) è particolarmente nota perché stimola la distruzione degli agenti patogeni nell’organismo. Può quindi essere utile, per assicurare  un apporto ottimale di vitamina C ed  un suo buon assorbimento,   optare per un integratore alimentare di tipo liposomico a dosaggi relativamente alti.

La vitamina D, in questo periodo in cui   si deve “restare a casa” per quasi tutta la giornata, è difficile  ottenerla in quantità sufficiente tramite l’esposizione ai raggi del sole. Per evitare carenze è bene innanzitutto introdurla in quantità nella forma alimentare (si trova in particolare nell’olio di fegato di merluzzo, nelle aringhe o nelle sardine)  ed in vari casi può essere utile in questo periodo anche assumerla anche con integratori, poiché i linfociti T, le cellule che si trovano in prima linea per garantire la nostra protezione, si attivano  in  presenza della vitamina D    

Possono poi essere utili  vari altri integratori, tra i quali in particolare: L-glutatione solubile, Condroitina solfato, Zinco acetato, Selenio, Magnesio, Vitamine del gruppo B.

Tra breve, in un prossimo articolo, parlerò della  “Fitoterapia nella lotta contro i virus”.

Dr.ssa Fiamma Ferraro

 

Prossimi Appuntamenti

A CARPI (provincia di Modena): disponibilità per  consulenze mediche e corsi Buteyko individuali  il 12, 13, 14 e 15 maggio 2020

Provincia di  SIENA: consulenze mediche e corsi individuali il 7, 8, 9 e 10 maggio

 ROMA : consulenze mediche e corsi individuali su prenotazione dal 20 maggio in poi

 MILANO: disponibilità previste per il 18 e 19 ottobre

Il CORSO di gruppo DI FORMAZIONE PER ISTRUTTORI BUTEYKO è stato spostato nella sede di campagna a 20 km. da Siena, dove è possibile rispettare le distanze di sicurezza tra i partecipanti, in data 4 e 5 luglio 2020

 

Per info e prenotazioni gentilmente inviare e – mail a info@dottoressafiammaferraro.it
Prenotazioni allo 340 3754 383 da Lunedì a Venerdì dalle ore 18 alle ore 20.